Broker, chi sono e cosa fanno?

“Trading forex online” chi non hai mai sentito almeno una volta questa frase? Ma cominciamo per ordine. Per iniziare ad investire bisogna prima di tutto tenere in considerazioni vari fattori, tra cui in particolar modo la conoscenza dei campi di investimento dei vari mercati finanziari. Facciamo subito un pò di chiarezza su dove andremo ad investire i nostri soldi.

Possiamo quindi decidere di fare trading nel modo più classico ovvero le banche oppure di farlo online quindi tramite le piattaforme digitali, le quali ci danno la possibilità di gestire in nostri investimenti in rete e quindi in tempo reale.

Ma vediamo ora più nel dettaglio di cosa stiamo parlando.

Broker, chi sono?

I broker non sono altro che “intermediari”, mi spiego meglio, ogni persona è padrona dei suoi soldi e di conseguenza libera di investire in ciò che meglio crede, ma per farlo necessiterà di un intermediario, ovvero di un Broker, il quale si occuperà di assicurarsi di comunicare tutte le transazioni da noi effettuate, proteggendole e a sua volta guadagnando dallo spread generato da tali movimenti.

Che tipi di Broker esistono?

I Broker possono essere bancari (gestiti dalle banche) oppure non bancari ossia broker online.

Le piattaforme online stanno prendendo sempre più piede per 2 motivi principalmente.

Il primo è che per investire online è molto più semplice perché possiamo farlo comodamente da casa.

Il secondo ed oserei dire quello principale, è che a differenza delle banche le piattaforme online offrono costi molto più vantaggiosi riguardo le operazioni che andremo ad effettuare, attirando così nel mondo del trading online anche persone che non avrebbero mai immaginato di farlo, perché potremmo fare operazioni con piccole cifre accessibili alla maggior parte delle persone, ed è anche per questo che il trading online cattura una gran fetta degli investitori.

Che piattaforma scegliere?

La piattaforma varia di investitore in investitore, ma la cosa principale a cui dobbiamo fare particolarmente attenzione è il fattore “sicurezza”, dato che oramai le piattaforme online sono davvero tante e sono davvero tante anche le piattaforme online che non rispettano le regole UE.

Quindi, di consguenza il mio consiglio è di controllare sempre che siano in linea con le regole UE e che soprattutto risultino registrate all’albo Consob.

Che tipo di mercati ci sono?

Mercato Finanziario

I mercati a disposizione degli investitori sono davvero tanti, ma elenchiamone qualcuno dei più rinomati:

•             Forex

•             Azionario

•             Materie prime

•             Criptovalute

Il Forex viene usato principalmente per le grandi transazioni commerciali, ed è il mercato delle valute e sempre più gente negli ultimi anni si è dedicata al trading forex online.

Azionario, probabilmente è quello più conosciuto perché menzionato svariate volte nei film, si tratta precisamente di operazioni dove società mettono in vendita le proprie quote o i propri titoli in modo tale di accumulare liquidità e soci al fine di operare in futuro i proprio obbiettivi commerciali e aziendali.

Per favi un esempio, Amazon è quotata nel mercato azionario.

Le materie prime riguardano investimenti su beni come petrolio, argento, oro ecc.

Le criptovalute è il mercato più recente di tutti, il quale ha attirato moltissimi investitori dopo il boom riscosso dai Bitcoin.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *