Fisco e pagelle per i contribuenti: ecco tutte le novità

Fisco e pagelle per i contribuenti: di cosa si tratta? Queste parole risuonano sempre più decisive da giorni e aleggiano come una sorta di minaccia sul web ed anche nei discorsi delle persone.

Il Fisco porta delle novità davvero notevoli questa volta, che mirano ad arginare ogni possibile tentativo di evasione fiscale da parte dei cittadini. Con i nuovi controlli infatti non sarà proprio più possibile “fare i furbi”, anche perché stanno arrivando le pagelle. Ad ogni contribuente sarà assegnato un voto e dal 6 scattano dei controlli più approfonditi.

Fisco e pagelle per i contribuenti: che significa “pagelle”

“Fisco e pagelle per i contribuenti” è un’espressione che ormai si legge quasi dappertutto. Cosa sta accadendo? A quanto pare l’Agenzia delle Entrate ha ideato nuovi metodi per eliminare la possibilità di evadere le tasse.

Non si tratta solo di controlli intensificati, ma addirittura di “pagelle”. Proprio come a scuola, ad ogni cittadino saranno assegnati dei voti, dopo che lo Stato avrà effettuato controlli fiscali. Se da questi ultimi dovessero risultare delle anomalie, sarà assegnato al cittadino un voto in pagella basso. Più i voti sono brutti e più i controlli saranno intensificati.

Non solo: a quanto pare basterà avere una semplice sufficienza per far amplificare ulteriormente le verifiche da parte dell’Agenzia delle Entrate. Insomma, dal 6 in giù i controlli saranno ben mirati e ancora più approfonditi.

Fisco e pagelle per i contribuenti: tecnologie, strumenti e privacy

L’Agenzia delle Entrate ha altre novità da mettere in atto, proprio per il biennio 2020-2021. Per far sì che vengano realizzati i controlli dovuti, saranno messe in campo delle tecnologie sofisticate. Oltre a questi, le Fiamme Gialle si serviranno anche di una strumentazione migliore per controllare i cittadini.

Alcuni strumenti sono già obbligatori per alcune categorie, come ad esempio la fatturazione elettronica. Oltre a questa La Guardia di Finanza avrà modo di controllare anche tutti gli allegati che vengono utilizzati durante una transizione.

Ulteriore novità consisterà nella super banca dati in cui compariranno tutti i profili dei vari contribuenti. In quella lista di nomi non potranno sfuggire al Fisco i cosiddetti “furbetti”.

Per tutti coloro che avranno cercato o cercano di evadere le tasse, non si sarà proprio più scampo. Il loro nominativo infatti apparirà in rosso e inoltre saranno attivate le opportune sanzioni.

Se non vi sarà quindi problema per il miglioramento delle tecnologie utili per i controlli, non si può dire però lo stesso per la privacy.

Questo è un argomento molto discusso negli ultimi giorni, anche perché è intervenuto il Garante della Privacy. Egli sostiene che questi controlli potrebbero essere troppo invasivi e ledere la privacy del cittadino.

Di contro però, lo Stato ha risposto che il motivo per cui vengono svolti è la sicurezza nazionale. Di fronte a questa, neanche il Garante può ribattere.

Insomma, come si è visto nel 2020 il Fisco mira a non tralasciare alcun dettaglio. Tutto quindi sarà posto sotto il suo controllo e a quanto pare potrebbe essere eliminato il problema dell’evasione fiscale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *